massaggio infantile - bambino

In un articolo precedente abbiamo parlato del massaggio infantile insieme a Marco, il nostro insegnante certificato AIMI. Oggi vogliamo però fare un approfondimento focalizzandoci sui benefici che il massaggio porta sia al bambino che a mamma e papà.

Massaggio infantile! Tutti i benefici.

I benefici che il massaggio infantile può portare sono numerosi, alcuni di questi sono stati osservati e dimostrati da studi scientifici altri, invece, sono stati osservati in primis dai genitori e poi da noi insegnanti certificati.

Partiamo quindi dall’osservare insieme quali sono questi benefici, suddividendoli in quattro categorie principali:

L’interazione

Il momento e il tempo che dedichiamo al massaggio con il nostro bambino è un tempo di qualità privilegiato ed esclusivo, in cui è possibile stabilire una comunicazione intima e una profonda empatia.

Questo magico ponte relazionale (tra bambino e genitori) viene a crearsi concretamente non soltanto tramite il contatto fisico, ma anche attraverso l’uso di tutti gli altri organi sensoriali: il bambino può osservare e conoscere il genitore da vicino, può ascoltare la sua voce,, può sentire il profumo e l’odore del suo papà e della sua mamma e, allo stesso modo, conoscere il gusto della loro pelle.

Con il massaggio infantile si apprende, quindi, quello che viene chiamato il nurturing touch, il “tocco che nutre”. Una modalità di contatto che favorisce precocemente un rinforzamento del bonding, ovvero quel forte attaccamento che lega i genitori al proprio figlio.

Il tempo dedicato al massaggio permette inoltre una stimolazione dello sviluppo del linguaggio promuovendo una comunicazione sia di tipo verbale che non verbale nel bambino, nonché una maggiore conoscenza e familiarità a questi segnali comunicativi per il genitore.

La stimolazione

Che cosa possiamo stimolare tramite il massaggio infantile?
Questa è sicuramente una domanda molto studiata in ambito scientifico dai ricercatori medico-sanitari. Infatti è stato dimostrato che il massaggio, che passa tramite un contatto di pelle, può rappresentare un’enorme possibilità di stimolazione per tutti gli organi di senso.

Vediamoli allora nello specifico:

Innanzitutto il massaggio favorisce uno sviluppo fisiologico del sistema nervoso accelerando i tempi di crescita della guaina mielinica, il cui scopo è quello di velocizzare la propagazione del segnale elettrico, migliorando così le connessioni neuronali.

Il massaggio rafforza le difese immunitarie stimolando e promuovendo la produzione di anticorpi. Il calore inoltre generato dal contatto della pelle, migliora la circolazione periferica creando un effetto di vasodilatazione e favorendo l’eliminazione delle tossine, stimolando sia l’apparato circolatorio sia l’apparato linfatico.

L’aspetto meccanico del massaggio va ad agire profondamente sulla muscolatura corporea, tonificandola e rilassandola, favorendo un corretto sviluppo fisico e promuovendo una maggiore percezione e conoscenza del sé corporeo. Questo attività favorisce la crescita e lo sviluppo muscolare, generando una miglior coordinazione ed equilibrio.
Ma non solo perché il massaggio al muscolo, praticato in zone specifiche, contribuisce a migliorare la funzione respiratoria e a tonificare maggiormente l’intestino.

Infine il massaggio infantile contribuisce a creare uno stato di generale benessere psicofisico generato dall’abbassamento dell’ormone dello stress e dall’aumento di ossitocina e prolattina (ormoni alla base del legame del bambino con i suoi genitori).

Quali sono i benefici del massaggio infantile? Scopriamoli assieme.

Il sollievo

Questa può essere un’esperienza di cui anche noi adulti ne abbiamo sperimentato gli effetti: quando ci sentiamo le spalle tutte tese e contratte, quante volte ci capita di ritrovarci a massaggiarcele da soli per cercare di alleviare la tensione e il fastidio che ci provocano?

Il massaggio infantile porta lo stesso effetto benefico di sollievo al bambino! Motivo per cui massaggiarlo dolcemente o tonicamente può dargli solo che benessere in caso di gas, coliche e crampi intestinali, così come alleviare, più o meno intensamente, i dolori della crescita, o tensioni muscolari, fastidi e dolori dati dalla dentizione o dall’eccessiva presenza di muco.

Tutto ciò favorisce sempre il raggiungimento di uno stato di maggiore benessere psicofisico.

Il rilassamento

Come succede a noi adulti, così capita anche ai nostri bambini: la sensazione di profondo rilassamento e benessere che ci pervade per diverso tempo dopo aver ricevuto un massaggio.

Il massaggio infantile può essere utile per calmare il vostro bambino quando si ritrova nervoso e agitato. In particolare la sera poiché favorisce un sereno addormentamento e un fisiologico ritmo del sonno, rallentando il ritmo cardiaco e la frequenza respiratoria.

Ecco allora che il massaggio diventa un significativo strumento per aiutare il bambino ad interiorizzare e regolarizzare i propri stati comportamentali, affrontando così tutti gli stimoli quotidiani più serenamente e, soprattutto, favorendo una propria autoregolazione.

Il massaggio normalizzando il tono muscolare consente ai bambini di essere meno ipersensibili agli stimoli ambientali, aiutandoli a ridurre la loro iperattività motoria. Inoltre come già anticipato prima un momento di massaggio promuove una riduzione degli ormoni dello stress e un aumento degli ormoni anti-stress, gli ormoni del benessere e del piacere.

Quelli che abbiamo appena osservato sono alcuni dei benefici che il massaggio infantile può promuovere per il nostro bambino, ma il massaggio viene fatto sempre in due e anche il genitore può sperimentare molti benefici, vediamoli insieme.

I benefici per i genitori durante il massaggio infantile

Il momento del massaggio è un momento personale.

Il genitore sceglie e decide, con il suo bambino, qual è il momento più opportuno per vivere insieme questa loro vicinanza tramite il contatto. Si prende quindi del tempo per sé per poter stare insieme al proprio bambino, rilassandosi e, allo stesso tempo, condividendo insieme risate, sguardi, carezze, dialoghi: è un momento solo per loro due.

Praticando il massaggio con costanza il genitore sarà in grado di assumere un atteggiamento di ascolto adeguato nei confronti del proprio bambino, pronto ad accogliere e a saper leggere sempre di più tutti quei segnali che il proprio bambino gli rivolgerà.

Il genitore acquisirà così più fiducia in se stesso e nelle proprie capacità, sentendosi più competente e meno teso nel rapporto col proprio figlio perché saprà di essere in grado di rispondere adeguatamente ai bisogni manifestati.

In un rapporto a due se uno dei due soggetti è rilassato trasmetterà serenità anche all’altro, tramite il corso di massaggio infantile guidato da un insegnante certificato, il genitore imparerà a rilassare se stesso prima di andare a massaggiare il proprio bambino proprio per stimolare questo principio di azione e reazione, rasserenandolo e rilassandolo.

Si parla quindi, sia per il bambino sia per il genitore, di benessere psicofisico creato tramite un momento di contatto, stato di benessere che per la mamma favorisce anche la produzione di latte, aiutando inoltre nella prevenzione della depressione post-parto.

Massaggio infantile e i genitori.

Pensando al massaggio infantile, la prima immagine che quasi tutti rievochiamo nella nostra mente è una mamma che massaggia il suo bambino, in realtà però non possiamo assolutamente dimenticarci della figura importantissima del papà e l’importanza che egli assume, sia per il suo rapporto con la moglie, sia per il suo rapporto con il proprio bambino.

In una società in cui quando nasce un bambino la mamma nei primi mesi sembra investire un ruolo totalizzante nell’accudimento e nella relazione con il proprio bambino, un papà in grado di essere presenza certa e competente assume un ruolo importante e significativo tanto quanto quello della mamma, senza perdere nulla del suo essere uomo e senza dimenticare l’enorme supporto che la sua presenza incidente avrebbe nei confronti di sua moglie.

I papà di oggi hanno un interesse sempre più attivo verso la cura dei propri figli, ma incontrano spesso dei problemi logistici. Infatti il loro tempo col bambino potrebbe essere limitato alle ore serali o ai fine settimana e quasi sicuramente potrebbero essere stanchi dopo un’intera giornata di lavoro, ma con lui anche il bambino e la mamma che sono stati tutto il giorno insieme. Ecco allora l’importanza che ha nel rapporto di coppia e nel coinvolgimento paterno con i figli la figura di un papà proattivo, competente, sensibile e presente. 

I papà quindi sono sempre i benvenuti all’interno dei corsi di massaggio infantile, sicuramente all’inizio dovranno ricevere un aiuto e un incoraggiamento particolare, ma tutti sono in grado di imparare a passeggiare, cullare, cantare, ballare, nutrire, cambiare il pannolino, fare il bagnetto, raccontare fiabe e massaggiare i loro bambini!

Potete trovarmi presso il Centro La Trottola.

Per maggiori informazioni scrivete una email a centrolatrottola@gmail.com o visitate la nostra pagina Facebook “La Trottola – Centro per l’Età Evolutiva”.

Dottor Marco Bonacina, Terapista della Neuro e Psicomotricità dell’Età Evolutiva, Insegnante Certificato A.I.M.I.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *